LA GRANDE MENZOGNA DELLA “CHIESA” DI SCIENTOLOGY: LA DISCONNESSIONE è “AUTODETERMINATA”!

A proposito di questa meschina menzogna che la “Chiesa” di Scientology va ripetendo ostentatamente da tempo, ecco una testimonianza molto significativa che prova esattamente il contrario: non è assolutamente vero che la Disconnessione è autodeterminata, bensì è imposta con la quantità di forza necessaria pur di ottenere l’adempimento all’ordine. Janela Webster era uno staff di RTC che lavorava alla Base di Int, ed in questo racconto, dopo aver fatto un’introduzione per spiegarci la pazzia che esiste in quel luogo chiamando le persone che ci lavorano ” persone la cui mente è stata resa schiava”,  ci racconta come è stata costretta a Disconnettere da sua figlia di appena 14 anni. E’ un racconto davvero agghiacciante!  Poi Janela termina dicendo una grande triste verità: “mia figlia Christina è stata solo una delle vittime. Ce ne sono a migliaia.

Renata Fruscella Lugli

Voglio anche far sapere che,essendo stata sullo staff alla Base di Int ed in RTC per gli ultimi 15 anni, io ho ben chiara la differenza che c’è tra Scientology e la verità ed invece l’arroganza pura e semplice, le coercizioni, i maltrattamenti fisici o altre tattiche intimidatorie che venivano usate per controllarci.

Con il passare degli anni la vita ad INT continuava a degenerarsi sino a che alla fine non aveva più nulla a che fare con Scientology. Tutto si concentrava su David Miscavige e su come lui fosse sempre l’unico che riusciva a fare qualcosa nella maniera giusta alla Base e che “tutti gli altri” erano solo dei soppressivi e non si meritavano nemmeno di vivere. Eravamo l’obbiettivo della sua ira costante e di propaganda nera – totalmente il contrario di quello che insegna Scientology.

Sono completamente addestrata nella tecnologia amministrativa di LRH, ma vi assicuro che ADORAVO lavare e stirare in quei miei ultimi giorni di vita là.  Anche se i miei compagni staff member mi davano delle occhiatacce per assicurarsi che io sapessi che barbona irresponsabile fossi diventata, io non riuscivo a credere a come potessero ancora avere quella devozione cieca verso quel mostro e tiranno, una devozione che sembrava crescere ancora più forte mano mano che i giorni passavano. Io sapevo chi erano i veri idioti.

LRH dice che certe persone diventano così degradate , sono così indottrinate nell’essere sbattuti qua e là e trattati male , che sono solo capaci di seguire in maniera servile una persona soppressiva. Sono persone la cui mente è stata resa schiava.

A quelle pecore che ancora condonano i maltrattamenti di David Miscavige, che mentono per lui e coprono i suoi crimini, persone come Tommy Davis, posso solo dire “Vergognatevi!”. Hanno perso qualsiasi senso di dignità o di verità e in nessun modo sono d’esempio per ciò che Scientology rappresenta.

Norman Starkey: come puoi startene lì e mentire sul fatto che David Miscavige non ti abbia mai messo le mani addosso? Io ero proprio là nell’ufficio quando lui è arrivato lì e ti ha dato due pugni nelle orecchie. E tu che sei una persona anziana con più di 60 anni ?? Che cosa ti trattiene?

 Nessuno, nè David Miscavige o nessun’altra organizzazione ha un controllo totalitario sulla verità – non potete rubare la mia identità perchè io mi rifiuto e non ve lo lascio fare. E non riuscirete mai a controllarmi con l’idea che la mia eternità risiede nelle vostre mani , non ci riuscirete MAI più. Mi spiace ma dipende solo da me. Quando ho capito questo mi sono liberata dalla vostra presa ed ho ritrovato la libertà.

Pur avendo anch’io le mie esperienze personali di essere stata buttata nel lago, di avermi privato del sonno, di essere stata carcerata alla Base di Int e forzata a dormire su di una branda nel mio ufficio per 7 mesi; e rimanere affamata mangiando per settimane solo riso e fagioli; ma la cosa più dolorosa e distruttiva per me è stata l’aver dovuto disconnetere a forza da mia figlia nel 2001. La mia esperienza ha a che fare con violazioni dei diritti del genitore.

Mia figlia venne con me alla Base di INT nel 1990 quando aveva solo 3 anni. Lei viveva nel Ranch di INT (chiamato Happy Valley) e, anche se io non me ne rendessi conto nei primi anni, la mancanza di tempo passato a fare il genitore o semplicemente passare del tempo con mia figlia,  ha fatto in modo che la nostra relazione si deteriorasse. L’unico momento in cui potevo vedere mia figlia era la Domenica mattina, anche se quello doveva essere il tempo da dedicare a lavare i panni e pulire gli alloggi. Quindi potevo ritenermi fortunata se solo riuscivo a vederla per un attimo, visto che di frequente dovevo lavorare la notte e spesso finivo per dover lavorare anche in quel “tempo libero” che avevamo per la settimana. Ed in più seppi dopo che lo staff di “Happy Valley” diceva a mia figlia di “non parlare con me” se aveva dei problemi perchè mi avrebbe distratto dal mio lavoro. Chi è quel genitore che non vuole che i suoi figli vadano da loro quando hanno dei problemi? Questo è il motivo per cui esistono i genitori!

In altre parole , quella era la ricetta perfetta per distruggere o prevenire qualsiasi rapporto di fiducia o d’amore che dovrebbe esserci tra genitore e figlio; l’esatto opposto di ciò che LRH intendeva e per cui ha speso tutta la sua vita ad insegnare.

Nel 1999 , David Miscavige andò al Ranch di INT a fare un’ ispezione ed  il risultato fu che spedì tutti i bambini via dalla Base, o in Florida o a Los Angeles, forzandoli a lavorare sullo staff. Io come genitore ero stata consultata? No. Avrei avuto voce in capitolo? No. I diritti dei genitori non esistevano ed il solo asserirlo era “fuori etica”. Invece mi dissero semplicemente che mia figlia Christina di 12 anni era stata spedita a Los Angeles e che era stata fatta entrare nella Sea Org.

Ero molto preoccupata per il fatto che mia figlia avesse lasciato la Base e fosse lontana da me. Aveva già dei problemi al Ranch e probabilmente aveva bisogno di più cura o di essere maneggiata diversamente da come avviene nella Sea Org. Comunque sia, dopo circa 6 mesi che era a LA, iniziò a frequentare le “cattive compagnie” ed iniziò ad allontanarsi dal lavoro senza averne il permesso girando per le strade di Hollywood.

Nell’estate del 2001, mia figlia originò che se ne voleva andare dalla Sea Org. Io mi sentii completamente perduta. Mia figlia, che al tempo aveva 14 anni, se ne voleva andare ed io avrei perso totamente il controllo su di lei. L’idea di concedermi come madre, di vederla, essere un terminale per lei, partecipare o prendere una qualsiasi decisione su come maneggiarla, non era nemmeno presa in considerazione. Io originai di andare a vederla, ma no, nella Sea Org, ognuno è solo un thetan in un corpo e non c’è nessun riconoscimento dell’impatto che un padre od una madre potrebbero avere sui loro figli o sulle decisione da prendere che riguardano le loro vite. Lei era “fuori etica” , agiva in maniera “soppressiva” ed era demandato ad altri il maneggiarla e non doveva “cadere sul mio piatto” come staff di RTC.

Settembre portò il disastro. Una delle guardie della sicurezza che lavorava per David Miscavige durante il Maiden Voyage fu rispedito indietro dalla nave prima, perchè aveva fallito di essere all’altezza delle aspettative di David. Come parte del suo ” maneggiamento di Etica”, Il Rappresentante di RTC di Los Angeles gli assegnò il compito di controllare mia figlia a tempo pieno. Quando David seppe della cosa, venne nel mio ufficio  (AVC INT RTC) e mi  affrontò sulla questione. Mi guardò dritta negli occhi e mi disse “sai cosa sta facendo una delle mie guardie personali per la sicurezza?”

Quando risposi “No”, mi disse che la sua guardia per la sicurezza stava controllando cosa stava facendo “mia” figlia.Naturalmente l’intera stanza rimase in silenzio ed anche io rimasi senza parole. Che David Miscavige avesse anche solo “menzionato” mia figlia come una distrazione per lui , diede un completo nuovo significato alla situazione ed improvvisamente Christina era diventata un fiasco che RTC doveva risolvere in maniera definitiva.

Il giorno dopo venni confrontata  da uno dei sottoposti diretti di David, Greg Wilhere, in relazione all’idea che mia figlia,  di soli 14 anni , potesse essere una soppressiva. Fui costretta a scrivere una lettera di disconnessione e a disconnettere poi di fatto. Fu una cosa robotica, fredda ed un maneggiamento squirrel. Il maneggiamento per me non avrebbe mai consistito di parlarle, di essere un terminale per lei, essere una madre amorevole e scoprire che cosa realmente stesse succedendo. No ! Il maneggiamento era invece Sec Check, etica , disconnessione. Il concetto di madre, figlio, figlia, famiglia non esistono.

Uno pensa che uno staff member di RTC che è responsabile di assicurarsi che i marchi di Dianetics e Scientology siano usati in maniera standard e che non vengano pervertiti, debba applicare la standard tech al 100% su TUTTE le dinamiche. Ed invece io non ho ricevuto nessun maneggiamento standard – solo mi hanno obbligato a disconnettere, e tutto questo sfacelo ha avuto come risultato solamente l’aver tagliato quei pochi fili di relazione che erano rimasti tra me e mia figlia. Se mi avessero pugnalata al cuore avrei sofferto di meno.

Christina venne spedita a Coldfoot, in Alaska. Non le parlai più sino a Gennaio 2003 quando morì suo padre. In quel frangente mi informarono, più di un anno dopo, che non era necessario disconnettere totalmente – la disconnessione era un’azione disciplinaria verso Christina. Ma davvero??!! Ed allora me lo venite a dire, a me che sono la madre, un anno dopo?

Gli anni che seguirono furono molto duri per Christina. Dall’Alaska andò in Tennessee, compì 18 anni, non riusciva a trovare un lavoro, non aveva una lira ed alla fine sparì del tutto dalla mia vita. Non sapevo dove fosse o come contattarla. Ogni giorno mi disperavo ma l’unica cosa che mi veniva concessa era di lavorare con qualche staff di etica. E comunque quegli staff non sapevano come comportarsi e poi erano troppo indaffarati a maneggiare le “particelle fuori etica” che erano finite sul piatto di Dave.

Ero arrivata al punto che non sapevo più cosa fare. Avevo le mani legate se rimanevo alla Base e quindi decisi di intraprendere l’unica via d’uscita, avrei preso la questione in mano ed in qualche modo sarei tornata libera. Sapevo che non mi avrebbero mai concesso di andarmene via così semplicemente – avevo già visto cosa avevano dovuto passare gli altri che se ne volevano andare.

Verso la fine Christina aveva cercato di mettersi in contatto con me ma le sue comunicazioni venivano intercettate e bloccate. Per riempire le sedie vuote ad un event dell’ultimo dell’anno venne richiesto agli staff di INT di partecipare , perchè avrebbe parlato David Miscavige. Là, una delle guardie della sicurezza aveva visto Christina e aveva scoperto che voleva mettersi in contatto con me. Quindi immediatamente fui presa e messa sull’autobus che tornava alla Base (che sta ad Hemet , California – circa 140 chilometri ad ovest di Los Angeles) in modo che lei non sarebbe riuscita a contattarmi. Ma comunque quella era mia figlia, aveva problemi, e stava vivendo per la strada e mi stava cercando perchè la aiutassi.

Nello stesso periodo, mia madre (che non vedevo da 14 anni) ebbe un ictus. Per me quella cosa rappresentava una via di fuga. Non diedi a nessuno il motivo di sospettare di quella richiesta di “permesso di assenza” per andare a trovare mia madre . Una volta che ero seduta sull’aereo ed ero in volo sapevo che ero tornata libera. Mia madre aveva bisogno di aiuto ed ho passato con lei i successivi tre anni da quando me ne sono andata. Ma vi dico che erano passate solo 24 ore da quando l’avevo raggiunta che già mi avevano chiamato dicendomi di tornare in 24 ore alla Base. Bene, immaginatevi quale fu la mia risposta.

Mentre curavo mia madre mi ci volle un anno per scoprire dove era mia figlia. Alla fine si mise in contatto con me. Che sollievo provai quel giorno che mi chiamò! Viveva a Long Beach e lavorava nell’Acquario.

Da quel giorno , mentre mi prendevo cura di mia madre ed andavo a scuola, ho lavorato per cercare di rimediare al danno fatto a Christina e prendermi responsabilità del grave torto che le avevo fatto. E stiamo continuando a fare progressi.

E voglio che voi che leggete questo sappiate che io a tutt’oggi non riesco a capacitarmi che , una volta, avrei fatto qualsiasi cosa per sostenere David Miscavige, incluso l’abbandonare mia figlia. Ma, a quel tempo, pensavo che seguire David Miscavige servisse a proteggere e ad espandere Scientology. Ma era distruttivo e non c’è giorno che passi che non ci ripenso. E conosco altri che hanno avuto lo stesso dolore, perchè lui ha ordinato dozzine di divorzi, ed è responsabile per le disconnessioni che stanno affliggendo migliaia di persone nel mondo.

Alla Base di Int, attraverso il continuo ripeterlo, mi veniva continuamente inculcato che avevo una condizione PTS con mia madre e mia figlia. Greg Wilhere mi ha urlato a 5 centimetri dalla faccia quanto mia madre fosse soppressiva. Ed invece mia madre è una persona gentile, che non farebbe male ad una mosca ed ha apprezzato me ed il mio lavoro negli ultimi 4 anni più di quanto non sia mai stato fatto nei 15 anni in cui ho lavorato ad RTC. La perversa applicazione della policy della disconnessione è ciò che ha creato quella situazione per me. E non si sarebbe mai risolta perche la tech di PTS non è mai stata applicata in maniera standard.

La mia esperienza alla Base non è stata ne felice ne di successo. Voi pensereste che lo staff, particolarmente chi lavora direttamente sotto David Miscavige , dovrebbe vivere una vita piena di successi su TUTTE le Dinamiche.  Invece al contrario, vivevamo letteralmente come degli schiavi, derubati di tutte le nostre dinamiche ed agivamo come dei mansueti imbecilli che non valevano nulla.

E mentre sto cercando di ricostruire la mia vita, ho ancora le cicatrici , come sono sicura abbiano anche tutti quei bambini, genitori, mariti, mogli, fratelli, sorelle – che sono il risultato di queste disconnessioni squirrel.

Christina è stata solo una delle vittime. Ce ne sono a migliaia.

Quello che David Miscavige ha fatto NON E’  Scientology.

E’ traffico di essere umani.

 Janela Webster

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s